Martina Marini Misterioso

martina4

REFRAINS: Montesilvano |

Milano | Monaco

” […] La seconda metà del XX secolo si caratterizza per il superamento dei limiti spazio-temporali e delle forme a favore di una maggiore focalizzazione sui processi, sul valore intrinseco dei materiali , sulla natura e il sensorio, come possibilità di vita e non di rappresentazione” (MAMBO, Bologna)

L’artista, alla sua prima personale, raccoglie l’eredità dei metodi e dei princìpi lasciata da artisti come Boetti e Opalka tra i tanti, e si interroga sulla natura dei propri bisogni.

Errabonda per indole, Martina si confronta con diversi media di espressione artistica spaziando dalla performance, alla pittura, all’installazione, al video, rincorrendo il gap tra significante del gesto e significato dell’opera.

L’artista infatti fa del suo metodo il suo tratto distintivo: ritornelli di gesti, di posizioni, di passaggi in un processo creativo potenzialmente infinito che tiene conto della casualità degli eventi, inseguendo la risoluzione del rapporto tra l’opera e la propria interiorità.

Biografia

Nata a Pescara il 4 Aprile 1990.

Nel 2009 iscrive al dipartimento di Pittura dell’Accademia di belle Arti di Brera, Milano. Trascorre il terzo anno di studi a Dresda, Germania, grazie ad una borsa Erasmus e si diploma nell’Aprile 2013.

Attualmente iscritta al secondo anno del corso di “Arte libera” presso l’Accademia di Belle Arti di Monaco, Germania, divide uno studio con Dorothea Seror. Insieme curano il progetto “Break Through”, spazio dedicato alla Performace Art.

In questi anni ha partecipato a mostre e workshops in Italia, Germania, Slovenia, Polonia e Portogallo.

Rimane molto attaccata alle sue origini nonostante i molti spostamenti.

Pagina Facebook dell’evento: